1.Lig 6° giornata: rivoluzione in classifica

Benvenuti ad un nuovo appuntamento con la 1.Lig, scopriamo subito gli avvenimenti del weekend.

Classifica rivoluzionata

Cambia la vetta, cambia il fondo, cambia tutto in questa giornata di 1.Lig. Al primo posto ritroviamo il Malatyaspor che vince in casa contro il Balikesirspor e si riprende la vetta scavalcando il Goztepe. I giallorossi di Smirne si fermano sull’uno a uno contro l’Elazigspor e ora conducono un gruppo di cinque squadre a quota 11 punti. Tutti all’inseguimento della vetta insomma, con la situazione che varia notevolmente in base ai campi.

Nella zona rossa invece notiamo altri movimenti: mentre il Bandirmaspor si porta momentaneamente fuori dal pericolo grazie al poker sul Manisaspor; il Samsunspor si rialza leggermente e lo ritroviamo terzultimo grazie alla vittoria di misura sul Denizlispor. A metà del tabellone notiamo inoltre ben cinque squadre a quota 7 punti e una subito dietro a quota 6, insomma, classifica tiratissima anche quest’anno con continui cambi di fronte ad ogni giornata.

Risultati

Bandirmaspor 4-0 Manisaspor (Karakus 12′ 28′, Cicek 74′, Costa pen. 78′)
Giresunspor 2-0 Umraniyespor (Aydin 52′, Tomic 77′)
Goztepe 1-1 Elazigspor (Akbunar 12′, Tom 15′)
Eskisehirspor 1-1 Boluspor (Poepon 49′, Corekci 83′)
Sivasspor 2-1 Altinordu (Turkdogan 16′, Simsek 18′, Eser 50′)
Samsunspor 1-0 Denizlispor (Peksen 23′)
Adana Demirspor 0-0 Sanliurfaspor
Mersin 0-3 Gaziantep BB (Ehiosun 47′, Reis 52′, Kalu 90′)
Yeni Malatyaspor 2-1 Balikesirspor (Agcay 22′, Cakmak 67′, Pereira 68′)

 

Classifica
  1. Malatyaspor 13
  2. Goztepe 11
  3. Boluspor 11
  4. Gaziantep BB 11
  5. Giresunspor 11
  6. Eskisehirspor 10
  7. Sanliurfaspor 9
  8. Denizlispor 8
  9. Sivasspor 7
  10. Balikesirspor 7
  11. Adana Demirspor 7
  12. Elazigspor 7
  13. Mersin 7
  14. Altinordu 6
  15. Bandirmaspor 5
  16. Samsunspor 5
  17. Manisaspor 5
  18. Umraniyespor 3

Le prime due sono promosse in Süper Lig, dalla 3a alla 6a accedono ai playoff, le ultime 3 retrocedono.

Giovanni Sala

Lascia un commento