Europa League: Zimbru-Osmanlıspor 2-2, pareggio in Moldova

Torna l’Europa League per i club turchi: in campo stasera in Moldova l’Osmanlıspor di Mustafa Resit Akçay, il risultato è stato un deludente e scialbo pareggio.

Il risultato non inganni: il 2-2 finale è frutto di una partita a ritmi bassi, da piena estate. L’Osmanlıspor si presenta al primo appuntamento ufficiale della stagione con una forma fisica ancora imballata, senz’altro non adatta alla partita più importante della (piccola) storia del club. L’Europa è anche così, con lo Zimbru Chisinau che sogna di eliminare i favoritissimi avversari turchi. Eppure il match era iniziato sotto il controllo dei ragazzi di Akçay, che hanno controllato il gioco per 25 minuti senza dare spazi ai moldavi e trovando l’1-0 con Çürüksu. Pregevole la mezza rovesciata del 61, assolutamente la perla della serata.

Poi il pareggio fortunoso dei padroni di casa: contropiede micidiale, presa tutt’altro che perfetta di Karcemarskas (non un grande esordio, il suo, dopo 7 anni passati a Gaziantep). L’Osmanlıspor reagisce e domina il primo tempo, senza però trovare il possibile vantaggio. Allora via alla ripresa, che però presenta un copione opposto: agli Ottomani va bene l’1-1, sono i padroni di casa a spingere: Zimbru meritatamente in vantaggio al 62′, di testa, e Osmanlıspor che finalmente trova la forza di reagire.

Mustafa Resit Akçay dà la scossa ai suoi con un paio di cambi: pronti e via, al 75′ Engin Bekdemir trova il tiro-cross vincente a soli 15 secondi dal suo ingresso. Un gol-lampo, che garantisce all’Osmanlıspor un buon punteggio (2-2 con gol in trasferta, basterà lo 0-0 per qualificarsi) in vista del ritorno ad Ankara tra 7 giorni. Comunque una delusione, viste le attese e i pronostici a favore. Sorride comunque al 93′, finalmente inquadrato, il sindaco e “patron” del club Melih Gökçek: i suoi Ottomani sono in Europa, e se tutto andrà bene settimana prossima in casa, lo saranno almeno per altre 3 settimane. E il cammino Ottomano potrebbe incrociare la via di Sassuolo: occhio ai sorteggi, domani in sede UEFA.

Lascia un commento