4-1 e assalto a Lescott: il Besiktas pensa in grande

besiktaselazig

 

Riscatto. Questa è la parola d’ordine in casa Besiktas, dopo la sconfitta per 2-1 ad opera del Kasimpasa nel piccolo derby di Istanbul domenica scorsa.

Con diverse assenze, esito di squalifiche ed infortuni, il Besiktas aveva un compito non impossibile: sconfiggere l’Elazigspor ultimo in classifica. La squadra allenata da Okan Buruk è però galvanizzata dal passaggio del turno in Turkiye Kupasi, dunque non vuole venire ad Istanbul in gita. La partita è quindi aperta, tuttavia a farla da padrone fin dai primi istanti è l’enorme differenza tecnica. Il gioco degli uomini di Bilic è nettamente più veloce. Appena tentano di scambiare tra di loro il pallone, i bianconeri sono istantaneamente pericolosi. La serata è per Holosko, autore di una doppietta, e Sivok, che sblocca il match e sostituisce bene lo squalificato capocannoniere Hugo Almeida. Inutile il momentaneo pareggio di Deniz Yilmaz. Sarà poi Sahan, particolarmente in palla nelle ultime settimane, a gonfiare il sacco per il 3-1.

Una vittoria che serve tantissimo, ma non è tutto. In casa Besiktas meditano una campagna acquisti faraonica, per tentare di recuperare il divario dal Fenerbahçe capolista. Oltre a Ronaldinho, di cui già vi abbiamo parlato in passato, ora spunta il nome di Joleon Lescott. Il difensore del Manchester City andrebbe a puntellare il reparto più problematico dei bianconeri, ovvero la difesa. I centrali di Bilic “ballano” tantissimo: servirebbe un innesto, anche se forse bisognerebbe sistemare anche la completezza dell’intera fase difensiva, con il rientro spesso tardivo dei trequartisti. Tutto, però, in nome del riscatto: bisogna cambiare marcia, e farlo da subito. Certamente il 4-1 di stasera aiuta. Una prova di forza di cui tutto l’ambiente Besiktas aveva bisogno. Ora si aspetta il risultato del Fenerbahçe Karabuk e l’impegnativa trasferta di venerdì prossimo ad Ankara, lì dove il Galatasaray si è fermato. Vietati i passi falsi per i bianconeri di Bilic: servirà una prova ancor più convincente per dare ufficialmente inizio alla rincorsa per il titolo.

Lascia un commento