Calciomercato in Turchia: 13 gennaio 2016

Si può dirlo? Quella del 13 gennaio 2016 è stata una giornata deludente per il calciomercato turco. Erano attese grandi novità che non si sono verificate, e forse a sorridere è solo il Galatasaray, che finalmente conquista la nostra copertina del giorno in seguito al secondo colpo chiuso in questa sessione dopo Donk.

SORRISO NORVEGESE – È Martin Linnes il nuovo terzino destro del Galatasaray. A lungo corteggiato dal Besiktas diverso tempo fa, l’ex-Molde ha passato le visite mediche a Istanbul ed è un nuovo giocatore Cimbom. 2 milioni al Molde, mentre il contratto del calciatore durerà 3 anni e mezzo. Questo è il colpo che muove più denaro quest’oggi, e dopo i 2,5 milioni spesi per Donk il Gala non bada a spese per recuperare i 10 punti di distacco dal Fener e gli 11 dal Besiktas. In uscita sarebbe Sabri Sarioglu: su di lui il Bursaspor. L’ultima decisione spetta alla dirigenza del Gala, molto amica del giocatore ma ormai convinta del potenziale di Linnes.

DELUSIONI – Il giorno di oggi, però, come dicevamo in apertura, si specchia nelle trattative sfumate. Il Besiktas vede sfumare Cássio, portiere del Corinthians che sembrava a un passo dall’arrivo. In uscita Pedro Franco, che ha un accordo con il San Lorenzo: prestito con riscatto fissato a 2 milioni di euro. L’Eskisehirspor saluta AkaminkoObilor, che era arrivato da qualche giorno ma è già stato scartato da Aybaba. Intanto per il Fenerbahçe si è riaperta per qualche ora la grana Emenike, attaccante in prestito all’Al-Ain: il nigeriano lascia il Golfo Persico, probabilmente per un prestito in Cina. Mentre Ryan Babel, come già riportato altre volte, preme per il Galatasaray. Tarda ad arrivare il transfer di Belluschi per il Bursaspor: spera di no Batalla, appena presentato e ufficializzato dalla società.

ALTRI COLPI – L’Antalyaspor, su consiglio di Eto’o, punta un giocatore del Barcelona B, Lionel Enguene. Intanto in 1.Lig il mercato è rovente. Lo Yeni Malatyaspor chiude per Izu AzukaSandro Gotal, il Karsiyaka piazza un triplo colpo prendendo Can ErdemIbrahim KasSahin Aygunes. Infine come sempre chiudiamo con i grandi nomi, quelli che sfiorano la Turchia e spesso non vi transitano nemmeno. È tornato di moda il nome di Pato da qualche giorno, prima in relazione alla trattativa con l’Antalyaspor e ora collegato al Galatasaray, che però non avrebbe la quantità di denaro voluta dal Corinthians. Infine il Fenerbahçe lavorerebbe sottotraccia per Guarín, che però piace molto in Cina. L’oro che sta risanando la Turchia è ad est, e ce n’eravamo già accorti con la cessione di Demba Ba da parte del Besiktas: ora è l’intera Europa ad accorgersene, e non è necessariamente un buon segno. Il futuro è ad est, comunque. E i prossimi anni ce lo dimostreranno, il mercato è solo il primo passo.

Lascia un commento