Caso-Diakhatè: il Kayseri Erciyesspor deve 3,1 milioni al Granada

Il difensore Pape Diakhatè è al centro di una causa milionaria tra Spagna, Italia e Turchia. 3 milioni di euro, ecco quanto costerà il suo passaggio (non consentito) del senegalese dal Granada all’Erciyesspor nella scorsa finestra di calciomercato.

Ma riavvolgiamo il nastro: a gennaio il giocatore aveva firmato per il Kayseri Erciyesspor, lasciando il Granada senza aver rescisso il contratto che lo legava al club spagnolo di proprietà della famiglia Pozzo (Udinese). Ecco il perché di tanto clamore, con una causa arrivata alle porte della FIFA: l’organismo di controllo internazionale, come riportato da UdineseBlog.it, ha deciso di punire così l’Erciyesspor, club che naviga nella zona-retrocessione del campionato turco.

Oltre al probabile addio alla Super Lig, ecco così arrivare un’altra beffa per i Draghi Blu della Cappadocia: il risarcimento milionario per il Granada consiste in 3,1 milioni, un fardello non indifferente per una squadra le cui sponsorizzazioni annuali faticheranno a coprire l’intera cifra. Il Kayseri Erciyesspor ha dieci giorni di tempo per presentare ricorso al TAS di Losanna: Pape Diakhatè ha creato un problema internazionale, senz’altro difficile da risolvere. L’ennesimo caso di disorganizzazione, specchio del fallimento di un progetto che sta per crollare, quello dell’Erciyesspor.