Pareggio per il Kasimpasa, 1-1 ad Antalya

Un match molto combattuto ha incendiato il sabato sera in Turchia. La partita è entrata subito nel vivo con entrambe le squadre che hanno cercato il gol ripetutamente. L’Antalyaspor parte subito bene conquistando addirittura tre angoli nei primi 7 minuti, il più deciso è sicuramente Ugur Inceman che prova a sbloccare la partita con un tiro all’ottavo minuto, palla fuori bersaglio; al 20′ arriva la reazione del Kasimpasa: Viudez ci prova ma anche lui manca la rete, al 24′ Eker riceve il primo cartellino della partita e 2 minuti più tardi cerca di farsi perdonare con un tiro infruttuoso. Lamine Diarra prova a scuotere la sua squadra con un tiro al 31′ che impensierisce la difesa del Kasimpasa ma non sblocca il match, il secondo giallo della partita è ancora dei secondi in campionato, Tabare Viudez viene ammonito dimostrando l’intensità con la quale entrambi i team stanno attaccando. Nei minuti finali un’occasione per parte, per il Kasimpasa ci prova Castro senza successo mentre per l’Antalyaspor tira Inceman ma il tentativo viene respinto dalla difesa, 0-0 squadre negli spogliatoi. Al 48′ Emre Gungor dell’Antalyaspor viene ammonito, al 55′ arriva il primo gol della partita: Buyuksal porta in vantaggio il Kasimpasa sbloccando il match, poco dopo Viudez sbaglia il raddoppio, al 62′ Promise sostituisce Bassan, due minuti dopo arriva il pareggio dell’Antalyaspor firmato Vederson, il Kasimpasa però non ci sta e tenta il 2-1 con Castro senza riuscirci. Al 71′ cambio per l’Antalyaspor: fuori Baris dentro Yildrim, subito dopo fuorigioco di Diarra, al 74′ Buyuk sostituisce Viudez per il Kasimpasa, al 75′ due espulsioni per il Kasimpasa: Eker per doppio giallo e Babel per rosso diretto, al 76′ nuovi cambi per le due squadre: Kaplan per Buyuksal e Baros per Insa, al 84′ cartellino giallo per Buyuk e al 90′ ammonito anche Kaplan, fischio dell’arbitro la partita combattutissima finisce 1-1.

Giovanni Sala

Classe 1992, malato di calcio e delle sue maglie, ma (soprattutto) di Milan.
Giovanni Sala

Lascia un commento