Champions League: Beşiktaş-Benfica 3-3

Finisce 3-3 tra Beşiktaş e Benfica a Istanbul: la Vodafone Arena mantiene la sua imbattibilità e i bianconeri di Güneş tengono aperte le speranze per passare il turno di Champions League.

Tutto ancora aperto. Nonostante quello 0-3 al 45′. Sembrava davvero finita, già alla mezzora, quando il Beşiktaş – tramortito dal triplo colpo da KO inferto da GuedesSemedoFejsa – veniva travolto dall’onda rossa portoghese. Un dominio non palese, ma comunque netto, sancito da una serie di micidiali contropiedi in cui le falle difensive turche venivano a galla in maniera pressoché inevitabile. I bianconeri mantenevano spesso il possesso dell’azione, senza però arrivare a mordere in zona-gol e risultando pericolosi: il resto lo ha fatto il cinismo di un ottimo Benfica, almeno per la prima frazione di gara padrone del campo e cinico nello sfruttare le occasioni. Una grande rete, quella dello 0-2, fa scattare una reazione negativa al Beşiktaş, che stacca la testa ed esce metaforicamente dal campo: da lì in poi le Aquile Nere di Istanbul rischiano l’imbarcata, che non arriva.

Il lavoro di Güneş all’intervallo è certosino: non solo tattico, con il baricentro spostato in avanti (dentro Cenk Tosun, l’uomo che cambierà la partita), ma soprattutto mentale. È così che nella ripresa il match è senz’altro più equilibrato, con i turchi più attenti sia in difesa che nello sviluppo dell’azione. Da manuale il gol dell’1-3, arrivato sull’ora di gioco, in un momento in cui tutto sembrava comunque perduto per la compagine di Istanbul: cross dalla destra e sforbiciata al volo dell’attaccante bianconero. Sembrava un fuoco di paglia, il classico gol della bandiera. Invece si trasforma in un richiamo alle armi: il Beşiktaş pressa più alto e scopre un Benfica vulnerabile, forse già negli spogliatoi convinto di aver chiuso la pratica. All’82’ un altro episodio-chiave: calcio di rigore per le Aquile Nere, netto un fallo di mano che priva Aboubakar di un’occasione davanti al portiere. Dal dischetto Ricardo Quaresma, glaciale: 2-3, una rete che apre all’assedio finale turco. Che il portoghese ex-Inter e Porto riesce a scardinare con una magia: assist di rabona, Aboubakar stoppa in qualche modo e arriva il 3-3.

Un pareggio che rimette in gioco tutto, nel gruppo più aperto della Champions League: il Beşiktaş ha ancora un piccolo svantaggio, da colmare nella trasferta ucraina a Kiev. Potrebbe bastare una vittoria contro la Dinamo per passare il turno.

Benfica 8
Napoli 7*
Beşiktaş 7
Dinamo Kiev 1*

*una partita in meno

Lascia un commento