Spettacolo Champions, Galatasaray-Chelsea finisce 1-1

chedjou

A Torres risponde Chedjou, a Istanbul finisce 1-1: ecco com’è andata tra Galatasaray e Chelsea nell’attesissima andata dell’ottavo di finale di Champions League.

Si parte davanti ai 52.000 della Turk Telekom Arena, accolti alla fermata della metropolitana da un tappeto verde coperto da una finta nevicata, tributo alla vittoria contro la Juventus dello scorso dicembre. L’atmosfera è calda, Mancini non ne approfitta schierando un 4-2-3-1 poco praticato dai turchi nella Super Lig. Fuori Kaya, dentro BaltaHajrovic. Si parte e Gala subito sotto: sbaglia Ebouè al 9′ minuto e riparte il Chelsea, trovando la rete con Torres.

Sullo 0-1 e con uno scenario difficile, però, Mancini ha la straordinaria umiltà di rinnegare l’11 iniziale, sostituendo Hajrovic con Yekta Kurtulus, vera e propria sorpresa della serata. L’inserimento del centrocampista turco dà sostanza ed equilibrio al Galatasaray che si ritrova e va addirittura in gol con Burak Yilmaz. La rete viene annullata a causa di un secondo pallone ancora in mano a Terry ad inizio azione. A tal proposito, i veri appassionati di calcio turco ricorderanno sicuramente ciò che è successo a Kasimpasa, con Ryan Donk protagonista: quell’episodio, davvero simile alla furbata di Terry, ha portato addirittura alla ripetizione dell’intera partita. Lo stesso Donk nell’intervallo ha twittato ironicamente: “Terry ha tentato di copiarmi?:)”

L’intervallo fa riflettere ulteriormente Mancini, sconfitto tatticamente dallo scontro con Mourinho. Esce Balta, entra Semih Kaya. Proprio il centrale difensivo appena entrato è decisivo a sbilanciare Torres evitando lo 0-2. Poi il Chelsea non c’è più, scompare lentamente dal campo. Drogba, l’ex atteso da tutti, reagisce e chiede il cimbom: il pubblico della Turk Telekom Arena apprezza e Istanbul diventa una bolgia. Palo di Selçuk Inan e pressione sulla difesa londinese che non tiene: su calcio d’angolo passa Chedjou, 1-1 su assist di Sneijder. Con Felipe Melo sugli scudi e un Selçuk ritrovato, il Galatasaray sfiora più di una volta il colpaccio.

Finirà così, con gioia di Mourinho che ora potrà giocarsi il ritorno a Stamford Bridge con i favori di pronostico e di risultato. Si salva anche Mancini, abile ad ammettere gli errori e a risollevare una situazione critica. Il man of the match è il pubblico di Istanbul, che ha incitato la squadra come quello di ieri ad Atene dove lo splendido Olympiacos ha battuto 2-0 il favorito United. In Italia il tifo non fa più la differenza, purtroppo; una trasferta dalle nostre parti non è più temibile di una in Turchia. Soprattutto alla Turk Telekom Arena, stasera dodicesimo uomo in campo, vero e proprio sottofondo di questa spettacolare serata di Champions League.

One Comment on “Spettacolo Champions, Galatasaray-Chelsea finisce 1-1

  1. Mancini aveva provato a giocarsela come contro il Bursaspor, con il 4-4-2 (Hajrovic e Sneijder larghi, pronti a convergere verso il centro per favorire le sovrapposizioni di Eboué e del bravissimo Alex Telles). Ma in mezzo al campo si soffriva troppo e i tanti errori di misura nei passaggi hanno fatto sì che il Chelsea dominasse nella prima mezz’ora. Bravissimo Mancini a capire che andava cambiato qualcosa. L’ingresso di Yekta ha ridato equilibrio e nella ripresa il tifo della Turk Telekom ha spinto il Galatasaray a giocarsi la gara senza più condizionamenti mentali. Tatticamente perfetti i giallorossi nella seconda frazione, merito al Mancio per aver corretto in corsa ed ai giocatori per essersi scrollati di dosso l’apatia iniziale.

Lascia un commento