Beşiktaş-Lione 2-1: decisiva la lotteria dei rigori, passano i francesi

Un amaro epilogo a una splendida serata di calcio. Il Beşiktaş va in onda su Tv8 in Italia, e regala ai telespettatori uno straordinario spettacolo di sport. Una serata ben diversa da quella di una settimana fa, una prova di maturità per il calcio turco dopo i disordini arrivati da tifosi in trasferta, in buona parte residenti all’estero.

L’UEFA ha comminato una squalifica di 2 anni a BeşiktaşLione prima del grande scontro di stasera: la pena ha la condizionale, e per fortuna in questo caso la minaccia di una sanzione sembra funzionare. Il pubblico di casa rende la Vodafone Arena una vera bolgia, ma sempre restando nei limiti di correttezza e civiltà, regalando addirittura momenti da brividi (l’applauso dopo i rigori persi dopo 120′) e un supporto incondizionato alle Aquile Nere, che ora si avviano verso il secondo titolo consecutivo in Turchia. A Istanbul l’atmosfera da urlo è solo una parte della splendida partita di stasera. Soprattutto è in campo che BeşiktaşLione si affrontano giocando a viso aperto, e ci regalano un match da sogno. Occasioni a go-go, una pioggia di pali e qualche errore difensivo che hanno propiziato una serie di opportunità a entrambe le squadre: c’erano tutti gli ingredienti per un vero show, goduto da tantissimi telespettatori anche in Italia (finalmente).

Il Beşiktaş parte con una formazione più offensiva del solito, con 4 giocatori d’attacco (BabelTaliscaTosunQuaresma), ma è il Lione a rendersi più pericoloso nella prima convulsa parte del match. La pressione alta dei francesi mette in difficoltà Hutchinson, più legnoso del solito in fase d’impostazione e apparso affaticato. A passare in vantaggio, però, è la squadra bianconera: Talisca trova un destro dopo un’azione su calcio d’angolo e porta le Aquile verso la possibile qualificazione. Che però diventa subito un’utopia, azzerata da un Lacazette a tratti imprendibile (un gol con splendido pallonetto, due legni colpiti nel corso della partita). Palleggia meglio il Lione, che però nella ripresa prende gol dallo stesso Talisca, abile a insaccare di testa un cross proveniente dalla sinistra. Poi una serie incredibile di rimpalli, salvataggi e legni colpiti da ambo i lati rendono il match clamorosamente divertente, un’autentica corrida che porta BeşiktaşLione ai supplementari. Lì subentrano stanchezza e voglia di giocarsi il tutto agli undici metri, dove entrambe le squadre mostrano un’ottima preparazione. 5 rigori su 5, segnati con freddezza dagli specialisti turchi e francesi: al Beşiktaş non basta, con gli errori di MitrovicTosic arrivati in chiusura. Per il Lione sbaglia soltanto Jallet: sarà poi Gonalons, il capitano, a portare per la prima volta in semifinale l’Olympique. A Istanbul restano tanti rimpianti, oltre alla consapevolezza di aver compiuto un’ottima campagna europea che avrebbe potuto diventare storica con soltanto un po’ più di fortuna dal dischetto.

Lascia un commento