Rodeo a Istanbul! Sivas fermato dal Galatasaray

galatasarayrosso

 

4 espulsi, 2 rigori e tantissimi contrasti: il proverbiale calore che accompagna le partite importanti della Süper Lig non manca di certo in questo Galatasaray-Sivasspor che vale tantissimo. La truppa di Mancini in crisi, contro la rivelazione del campionato allenata da una vecchia conoscenza del calcio europeo, quel Roberto Carlos che a Sivas è riuscito a costruire un gioiello invidiabile.

Esatto: perchè il Sivas gioca bene, è compatto e mette in difficoltà chiunque lo affronta. Peccato per i ragazzini terribili di Roberto Carlos che a Istanbul tutto sia sempre più complicato. A scardinare la linea difensiva in maglia bianca sono sufficienti tredici minuti, grazie all’ispirato Selçuk Inan che smarca un ritrovato Burak Yilmaz: 1-0 Gala. Ma il primo tempo è già acceso, e Nounkeu riesce a farsi cacciare dopo soli 21 minuti, lasciando i giallorossi di Mancini in 10 uomini. Ne approfitta il Sivas, che trova il pareggio alla mezzora con Djebbour. Tra un cartellino giallo e l’altro, il match prende quota, regalando occasioni da ambo le parti. Due legni colpiti dal Galatasaray, fino al discutibile rigore assegnato al 36′ in seguito ad un fallo di mano di Cicinho. Selçuk Inan è infallibile dagli unidici metri e riporta i Leoni di Istanbul sul 2-1. Questo primo tempo da cardiopalma si chiude con la seconda espulsione: Umit Kurt sotto la doccia per somma di ammonizioni.

La ripresa, in 10 contro 10, è chiaramente a basso ritmo. Entra all’82’ Didier Drogba, che non ci mette molto a rendersi protagonista. Si accendono gli animi quando l’arbitro assegna un altro penalty al Galatasaray, ma è proprio l’ivoriano a sbagliare dagli undici metri. Nel frattempo, espulsi Cicinho Da Costa in occasione del fallo da rigore. Il Sivas chiude in 8 contro 10, quasi un record. Roberto Carlos torna a casa con qualche rimpianto, ma la classifica sorride ancora: il Galatasaray lo ha raggiunto solo adesso. Sognare l’Europa è ancora lecito, per la squadra più brasiliana di Turchia. Viverla, ora, è d’obbligo per il Galatasaray: mercoledì importante trasferta a Madrid per cercare l’impossibile, ovvero portare a casa qualche punto dal Bernabeu.

Lascia un commento