Süper Lig, 1° giornata: brilla Eto’o. Bene Fenerbahçe, Besiktas e Kasımpaşa

Nuove speranze, nuove illusioni: la stagione 2015-2016 della Süper Lig turca è partita venerdì sera, regalandoci già una cascata di gol, emozioni e protagonisti. Alcuni nuovi, altri già conosciuti da tempo.

UN LEONE – Già, perché aspettavamo tutti al varco Samuel Eto’o: chi gli dà del bollito da qualche stagione, chi non è convinto delle sue attuali condizioni fisiche e chi pensa che il camerunense sia in Turchia solo per una mera questione di soldi. La 1° giornata di Süper Lig dice ben altro, restituendo al calcio un campione vero: il Basaksehir viene steso da due sue prodezze, l’Antalyaspor pende già dalle labbra dell’ex attaccante di InterSampdoriaBarcellonaEto’o è una bella sorpresa, così come Emrah BassanLazarevic: il nuovo Antalyaspor prende forma, con 3 punti messi nel sacco dalla trasferta nel profondo ovest di Istanbul.

UN COMBATTENTE – E se invece altri aspettavano con ansia Van Persie, rimarranno delusi: per l’olandese soltanto una manciata di minuti, poco meno di mezz’ora, per tastare l’estremo difensore dell’Eskisehirspor. Al Fenerbahçe i suoi colpi non servono: a chiudere l’anticipo della giornata ci pensano Moussa SowFernandao, con una rete a testa nel lungo recupero del primo tempo. 2-0 il finale, con l’attaccante brasiliano ex-Bahia ad impressionare tutti: Fernandao è lo stesso visto a Bursa, freddo, letale e cinico sotto porta. Emenike resta un lontano ricordo, ora il Fenerbahçe vola da club favorito per il titolo. O forse no?

UNA SQUADRA – Le annotazioni più impressionanti (ed impressionate) di questa 1° giornata riguardano infatti il nuovo Besiktas di Senol Gunes. Creatura ancora all’inizio del suo cammino, sia chiaro: ma s’inizia ad intravedere qualcosa di promettente. Oguzhan Ozyakup è la nota più positiva della serata, insieme a Cenk Tosun: la tripletta di quest’ultimo è il frutto di un gioco arioso e a tratti devastante.

Il Mersin, nonostante un’accoglienza da brividi da parte dei propri tifosi, esce stravolto dal match: 5 gol tra le mura amiche dei rosso-blu, che vedono sbocciare un’altra grande favorita per la corsa al titolo. Ora Gunes dovrà inserire nei meccanismi anche Mario Gomez, entrato nella ripresa ma di fatto oscurato dalla prestazione di Tosun. In ogni caso il Besiktas sta bene, questo è poco ma sicuro; non si può dire lo stesso del Galatasaray.

UN RITORNO – La partenza è da shock: la rabbia poi si attenuerà lentamente, ma le prime impressioni lasciano perplesso Hamzaoglu ed il suo staff. Il Galatasaray inizia malissimo la nuova stagione: il primo tiro di Chahechouhe è già un gol, con tanto di papera di Muslera. Poi un tempo in balia di un buon Sivasspor, con tanti errori in fase d’impostazione per un Gala in forma precaria. Il duello Sarioglu-Chahechouhe è un trionfo per il marocchino, devastante sulla fascia sinistra dei Coraggiosi biancorossi. Nella ripresa arriva il raddoppio proprio del bomber del Sivasspor, che trasforma dal dischetto un penalty guadagnato dal caparbio compagno Batuhan Karadeniz. E’ lì che il Galatasaray riceve una scossa, più emotiva che tattica, con l’ingresso di Burak Yilmaz, inizialmente lasciato in panchina. Il bomber turco raddrizza i giallorossi, segnando in leggero fuorigioco il 2-1; poi ci pensa Podolski, sempre di testa. 2-2 finale, ma il Gala sembra una squadra ben diversa dalla concorrenza, già agguerrita e dotata di un gioco al momento più convincente e completo.

UN PAESE – La Turchia poi non si riduce a Istanbul: anzi, si è visto parecchio anche in Anatolia. Due pareggi (1-1) di cui uno particolare tra OsmanlisporKayserispor, le neopromosse che sbloccano il risultato al 90′ per trovare il risultato finale due minuti dopo. Occhi puntati anche su TrabzonsporBursaspor, impegnate in una classica del calcio turco: finisce 1-0 per gli azzurro-granata, con M’bia in grande spolvero; la decide Erkan Zengin in mischia. Per chiudere il cerchio della giornata, però, è necessario ancora tornare a Istanbul. Perché la rinascita del Kasimpasa, a livello di gioco, è un evento da salutare con attenzione: a Gaziantep gli Apache ritrovano un’intensità offensiva che spazza via i rossoneri di casa. Dopo l’80’ le reti di Buyuk e dei nuovi arrivati TitiDel Valle sono ottimi segnali di ripresa. Per il club e per l’intero campionato, che ha vissuto una giornata divertente e ricca di alti e bassi: un inizio confortante e davvero molto promettente di questa nuova stagione.

RISULTATI DELLA 1° GIORNATA DI SUPER LIG:

Fenerbahçe-Eskisehirspor 2-0 (45’+1′ Sow, 45’+4′ Fernandao)

Trabzonspor-Bursaspor 1-0 (67′ E. Zengin)

Istanbul Basaksehir-Antalyaspor 2-3 (22′ Bassan, 45’+1′ Doka, 50′ Eto’o, 60′ Cikalleshi, 64′ Eto’o)

Sivasspor-Galatasaray 2-2 (10′ Chahechouhe, 55′ rig. Chahechouhe, 60′ B. Yilmaz, 81′ Podolski)

Konyaspor-Akhisar 1-1 (20′ Custodio, 80′ aut. Douglao)

Osmanlispor-Kayserispor 1-1 (88′ Nayir, 90′ Bakis)

Mersin-Besiktas 2-5 (9′, 44′ e 68′ C. Tosun, 20′ e 89′ Nakoulma, 73′ Sahan, 90′ Frei)

Gaziantepspor-Kasimpasa 0-3 (80′ Buyuk, 89′ Titi, 90′ Del Valle)

IL POSTICIPO – Fuoco e fiamme tra Gençlerbirligi Rizespor. Non ci si fa mancare nulla: gol ed emozioni, anche se ad Ankara si “gioca troppo tardi”, come ha fatto capire il presidente di casa Ilhan Cavcav. Se l’orario di inizio del match (22 locali) non è andato giù al poliedrico boss dei rossoneri, ai calciatori sembra dare occasione di mostrare qualità e tanta corsa. Ozek apre le marcature, TomicDimitriadis rispondono; il grande caso nasce all’87’, quando Kweuke si imbizzarrisce. L’attaccante camerunense vuole a tutti i costi tirare il calcio di rigore assegnato dall’arbitro, nonostante Hikmet Karaman, l’allenatore, sia completamente in disaccordo. Sercan Kaya sarebbe il prescelto, dopo un buon minuto di discussione non c’è nulla da fare: Kweuke è irremovibile, va lui dal dischetto. E segna, prima di mandare a quel paese Karaman e di lanciargli più di un messaggio di rabbia. “Ci vediamo dopo“, gli sibila l’allenatore; il tutto viene ripreso dalle telecamere di LigTV. E dato che il calcio è pazzesco, sarà Kweuke a rispondere prima del fischio finale: splendido gol in serpentina, 3-2 in casa del Gençler e qualche lacrima per la punta camerunense, che vede il suo futuro a Rize in seria discussione.

Gençlerbirligi-Rizespor 2-3 (45′ A.I. Ozek, 59′ Tomic, 74′ Dimitriadis, 87′ rig. e 90′ Kweuke)

CLASSIFICA:

Besiktas 3
Kasimpasa 3
Fenerbahçe 3
Antalyaspor 3
Rizespor 3
Trabzonspor 3
Sivasspor 1
Galatasaray 1
Osmanlispor 1
Akhisar 1
Konyaspor 1
Kayserispor 1
Istanbul Basaksehir 0
Gençlerbirligi Ankara 0
Bursaspor 0
Eskisehirspor 0
Mersin 0
Gaziantepspor 0

STATISTICHE

GOL

Cenk Tosun (Besiktas) 3
Aatif Chahechouhe (Sivasspor) 2
Samuel Eto’o (Antalyaspor) 2
Préjuce Nakoulma (Mersin) 2
Leonard Kweuke (Rizespor) 2

ASSIST

Oguzhan Ozyakup (Besiktas) 3
Olcay Sahan (Besiktas) 2

La prossima giornata di campionato si disputerà tra il 21 ed il 24 agosto 2015.