Calcioturco Scout – Okay Yokuslu, classe ’94 del Trabzonspor

Nome: Okay Yokuslu
Squadra: Trabzonspor
Ruolo: centrocampista centrale
Data di nascita: 9 marzo 1994
Altezza: 1,90 m

Okay Yokuslu si sta nascondendo, ora. Centrocampista centrale classe ’94 nato e cresciuto a Smirne, in questo momento storico Yokuslu è titolare nella seconda divisione turca, la 1.Lig. Certo, nel Kayserispor diretto a tutta birra verso la promozione. Eppure, questo ragazzo ha già dimostrato ampiamente di meritarsi palcoscenici ben più importanti: vedi sopra, con quel gol da brividi all’Australia in un match dell’Under 19 turca.

Ma andiamo con ordine. Nato il 9 marzo 1994 a Izmir/Smirne, Okay è il prototipo del classico buon giocatore turco di centrocampo, ruolo che sta dando l’imbarazzo della scelta a Fatih Terim nella Nazionale. Fin dai primi passi della sua carriera, Yokuslu è un talento al di sopra della media, almeno nella provincia di Izmir. Okay viene notato dai dirigenti dell’Altaynobile decaduta del calcio turco ma tuttora vivaio florido e ricco di validi allenatori. Così il ragazzo può crescere in pace, senza troppe pressioni? Neanche per sogno: il talento è troppo, per essere lasciato a Smirne, motore pulsante dell’economia turca ma stranamente ai margini del calcio che conta. Così, quando gli osservatori del Kayserispor capiscono che Yokuslu è un ragazzo più che talentuoso, decidono di sborsare 1 milione di euro; per uno che aveva giocato 35 partite ufficiali all’Altay a soli 16 anni, forse sembra un azzardo. Eppure non lo è.

L’arrivo di Yokuslu al Kayserispor è ormai datato 1 luglio 2011, quando la società era il simbolo della Cappadocia in Super Lig. La prima stagione di Okay nel massimo campionato turco lo porta subito alla ribalta: 22 presenze, 2 gol e 2 assist. Come è naturale, la stampa inizia ad osservare con attenzione l’evoluzione del giovane classe ’94: così la seconda stagione (2012-2013), arriva un calo di rendimento. Zero gol per lui, con solo un assist all’attivo: troppo poco, per un giocatore impiegato spesso sulla trequarti. All’affacciarsi delle prime critiche, però, Yokuslu dimostra di essere pronto a rispondere a chiunque. Nella stagione del crollo del Kayserispor, la scorsa, Okay è uno dei pochi giocatori positivi: spesso si dimostra in grado di trainare la squadra. Tuttavia, il suo apporto non è sufficiente per evitare ai giallo-rossi della Cappadocia un’amara ed inattesa retrocessione.

Così arriviamo a quest’anno, in cui Okay Yokuslu (21 anni compiuti pochi giorni fa) è titolare inamovibile del centrocampo del Kayserispor. Rimasto nonostante la retrocessione in 1.Lig, Okay si è preso le chiavi della metà campo giallo-rossa. Detta i ritmi, crea, si rende partecipe di parecchie azioni da gol: pur avendo soltanto 2 marcature all’attivo, Yokuslu ha attirato fin da inizio stagione le sirene del Fenerbahçe, che ha provato ad imbastire una trattativa. Il Kayserispor, da parte sua, vuole la promozione, e ha blindato il ragazzo almeno fino a giugno. Poi si è fatto sotto il Trabzonspor di Arveladze, che nell’estate 2015 ha sfrerrato l’attacco decisivo per portare il classe 94 a Trebisonda.

CARATTERISTICHE TECNICHE – Dotato di una tecnica davvero interessante, Okay Yokuslu è intenzionato a seguire le orme dei tanti connazionali che hanno dato qualità al centrocampo della Turchia. Può ricoprire tutti i ruoli, dal mediano incontrista (per cui risulta ancora un po’ troppo leggero), fino alla mezz’ala, la sua posizione naturale, in cui Yokuslu si destreggia sia in una linea a 2 che a 3. Al Kayserispor ha spesso fatto il trequartista centrale dietro alle punte, ruolo in cui si è adattato bene ed è parso utile all’allenatore in ottica di fase difensiva. Tuttavia, se dovesse essere spostato in avanti più spesso, Okay dovrebbe migliorare ancora la sua propensione al gol, ancora poco sfruttata anche dai pochi inserimenti. Ha un gran tiro dalla distanza, abilità che spesso lo trattiene troppo fuori dall’area. In ogni caso, è un ragazzo da seguire attentamente. E pare proprio che il Fenerbahçe sia della mia stessa opinione.