Calcioturco Scout – Silvere Ganvoula M’Boussy, classe ’96 dell’Elazigspor

Nome: Silvère Ganvoula M’Boussy

Squadra: Elazigspor

Ruolo: prima punta, attaccante esterno, seconda punta

Data di nascita: 22 giugno 1996

Altezza: 1,87 m

Silvere Ganvoula M’Boussy è uno dei tanti talenti emersi dall’ultima edizione della Coppa d’Africa, che si è disputata nel 2015 in Guinea Equatoriale.
Di nazionalità congolese e nativo di BrazzavilleSilvere Ganvoula M’Boussy nasce il 22 giugno 1996 e fin da piccolo si impone in patria come uno dei migliori attaccanti delle giovanili del Congo e del Patronage Sainte Anne.
Nel 2013 il centravanti entra nella prima squadra del Patronage Sainte Anne, compagine militante allora nella massima serie del paese africano, risultando decisivo nell’aiutare il club di Brazzaville ad ottenere la salvezza.
Nell’estate 2014 il classe ’96 debutta in nazionale maggiore, segnando il primo gol nel match di qualificazione alla Coppa d’Africa Congo-Namibia 3-0.
A metà settembre dello stesso anno i dirigenti del Raja Casablanca lo tesserano con un blitz, portando il nativo di Brazzaville in Marocco per disputare la prestigiosa Botola 1Pro Ittisalat.
Ma il Raja Casablanca nel 2014-2015 naufraga, disputando una stagione mediocre e Silvere fatica molto.

Il resto è storia recente: M’Boussy viene sorprendentemente inserito in lista Coppa d’Africa dalla nazionale congolese e gioca diverse partite, mettendosi in luce davanti agli occhi degli scout dell’Elazigspor, che proprio quest’estate hanno sferrato l’attacco, portando ad Elazig per tre anni uno dei più promettenti giovani talenti figli dell’Africa.

CARATTERISTICHE
Silvere Ganvoula M’Boussy è una punta centrale di 187 cm, adattabile anche ai ruoli di ala e seconda punta.
Nonostante l’imponente altezza è molto rapido e veloce nei movimenti con e senza palla, ed è pure un gran corridore in possesso di una buona resistenza.
Il giocatore è dotato anche un’ottima tecnica di base ed è ambidestro, mentre è un po’ carente dal punto di vista della potenza fisica in rapporto all’altezza.
In 1.Lig dovrà dimostrarsi molto cinico, freddo sotto porta e abile tatticamente, ma niente è impossibile per un classe ’96, che già da minorenne mostrava cose fuori dal normale nel calcio congolese.