10 curiosità sull’Avni Aker, stadio del Trabzonspor

Vista la prossima trasferta europea del Napoli, ecco per voi lettori di calcioturco.com e per i tifosi partenopei pronti a seguire la propria squadra fino a Trebisonda alcune piccole news su uno degli stadi più caldi presenti in Turchia.

1) L’impianto venne inaugurato nel 1951 con una capienza iniziale di poco più che 2400 posti, per ospitare le partite del campionato locale di Trebisonda.
2) Lo stadio si trova nel cuore della città, precisamente nella strada Gise SK che dista circa 25 minuti (di strada in macchina) dall’Aereoporto dell’odierna Trabzon.
3) L’Huseyin Avni Aker può ora contenere 24169 posti a sedere, divisi in 2 curve scoperte, una tribuna coperta ed una tribuna scoperta.
avni aker trabzon
4) Il terreno da gioco dell’impianto è in erba naturale e misura 68x105m. Inoltre è a strettissimo contatto con gli spalti in quanto lo stadio è attualmente privo di pista d’atletica.
5) Nel passato però l’Huseyin Avni Aker era molto diverso, infatti inizialmente e fino agli anni 2000, periodo in cui ha subito un forte restyling per adeguare il complesso sportivo agli standard Uefa, aveva pista d’atletica e barriere anti-invasione. Nel 2010 lo stadio ha subito un’ulteriore miglioria in quanto la società ha aggiunto posti VIP, sistemato la tribuna stampa, ampliato il parcheggio e costruito bar e ristoranti.
6) L’impianto è dedicato ad Huseyin Avni Aker, un amministratore sportivo e insegnante di educazione fisica nato a Vakfikebir che ha contribuito moltissimo alla crescita del calcio nella regione del Mar Nero. Nato nel 1899, è deceduto prematuramente a 45 anni a Trebisonda nel 1944.
7) Lo stadio, oltre ad ospitare le Tempeste del Mar Nero, è stato usato molteplici volte dal 1461 Trabzon (la squadra riserve del Trabzonspor che milita in 2.Lig), dall’Akcabaat Sebatspor (la squadra del vicino distretto di Akcabaat che per 2 stagioni ha militato in Super Lig) e dall’Ofspor (compagine del distretto di Of che gioca nella terza serie turca).
8) L’Huseyin Avni Aker ha accolto diverse volte la nazionale maggiore e le nazionali giovanili turche. L’ultima partita disputata dalla nazionale a Trebisonda si è giocata il 9 febbraio 2011 contro la Corea del Sud, match che è terminato 0-0. Inoltre l’impianto ha ospitato diverse importanti gare del Mondiale Under-20 2013 che si è disputato proprio in Turchia.
9) Lo stadio del Trabzonspor lo possiamo certamente considerare il 12° uomo in campo del club, specie nel 61° minuto, lasso di tempo in cui i tifosi festeggiano la caduta del impero ottomano (avvenuta nel 1461) con calore e coreografie sempre spettacolari. A prova di questo, noi in esclusiva vi diciamo i nomi di alcuni club che sono usciti con le ossa rotte o senza vincere dall’impianto: Barcellona (1-0), Schalke 04 (3-3), Lione (4-1), Liverpool (1-0), Inter (1-0 nel 1983-1984 ,1-1 nel 2011-12), Lazio (3-3), Losc Lille Metropole (1-1), Cagliari (1-1), Aston Villa (1-0), Athletic Bilbao (3-2).

10) Infine concludiamo mostrandovi l’impianto dall’interno, pieno di gente e caldo come eravamo abituati prima di Passolig.

Trabzonspor2Inoltre diciamo a tutti coloro che non ne fossero a conoscenza che i tifosi partenopei che seguiranno il Napoli fino in Turchia verranno collocati nel angolo della tribuna vicino alla curva (in alto a destra nella foto), dove avranno una discreta visuale della partita e potranno godersi, protetti da molti steward, la partita e lo spettacolo del 61° minuto.
Lo stadio Huseyin Avni Aker è nella sua ultima stagione di grande calcio: dall’anno prossimo verrà rimpiazzato da un nuovo modernissimo impianto da 40mila spettatori sull’isola artificiale Akyazi. Un gioiello che potrebbe essere sponsorizzato dal celebre marchio Swarovski, ma che non potrà mai cancellare gli anni di storia scritti tra le mura dell’Avni Aker.

One Comment on “10 curiosità sull’Avni Aker, stadio del Trabzonspor

  1. Pingback: Europa League preview: probabili formazioni di Liverpool-Besiktas e Trabzonspor-Napoli | Calcio Turco

Lascia un commento