Nobili decadute – Izmirspor, la parte bianco-blu di Smirne

Benvenuti alla scoperta di una nuova realtà: oggi rivisiteremo Smirne (Izmir in turco), una delle tante capitali dello sport turco, andando a scoprire l’Izmirspor, che per moltissimi anni ha militato in Super Lig.

izmirsporFondazione e primi anni

Nel 1930 due piccole compagini fondate nel 1923 andarono a creare un’unica realtà che potesse rappresentare l’intera provincia di Smirne visto che Goztepe e Karsiyaka rappresentavano e rappresentano tuttora solo i rispettivi quartieri.
E fu così che il Sakarya Kulubu (che non è il Sakaryaspor) e l’Altınay fondarono l’Izmirspor.
Come vi abbiamo già raccontato nella puntata riservata al Goztepe (QUI) il club dopo essere stato iscritto al campionato locale, nel 1937 effettuò una fusione con il Goztepe cambiando denominazione in Doganspor. In seguito, alcuni caldi supporters dei biancoblu (i colori sociali del club) di Izmir, decisamente contrariati dall’unione, fondarono l’Atesspor. Due anni dopo il Doğanspor ritornò a chiamarsi Göztepe e sempre nello stesso anno l’Ateşspor tornò a lasciar spazio al vecchio Izmirspor.
Nonostante degli agguerritissimi e competitivi Altay, Goztepe, Karsiyaka e Altinordu sono ben 5 le edizioni del campionato provinciale di Smirne vinte dal club: 1930, 1933, 1949, 1955 e 1956.
In quegli anni inoltre Metin Oktay iniziò a riempire i giornali turchi grazie ai suoi gol con l’Izmirspor.

Super Lig

Come raccontato nelle scorse puntate di Nobili decadute, nella stagione 1958-1959 ci fu una svolta epocale per tutto il calcio in Turchia: si decise di unire tutte le migliori competizioni calcistiche locali in un’unica lega nazionale denominata Milli Lig (l’attuale Super Lig, ndr). Il club di Smirne venne ammesso e inserito nel gruppo bianco che comprendeva İstanbulspor AS, Ttney Beykoz, Hacettepe, Mke Ankaragucu, Altay, Besiktas e Fenerbahce.
In quell’anno la squadra sorprendentemente terminò il campionato al quarto posto.
Nel 1959-60 nonostante la creazione di un unico blocco da 20 società, i ragazzi dell’Izmirspor partirono forte in campionato ma si dovettero arrendere davanti allo strapotere tecnico e qualitativo delle 3 big di Istanbul che relegarono il club ad un nuovo 4° posto nella graduatoria finale.
L’annata seguente la compagine di Smirne concluse in 7° posizione restando l’unica società a rappresentare la città, assieme al Goztepe dopo le retrocessioni di Altay e Altinordu.
Alle 3 ottime stagioni in massima serie segui nel 1961-62 una molto meno proficua; infatti il club dopo una lunga ed estenuante lotta riuscì a salvarsi solo all’ultima giornata relegando all’inferno Vefaspor SK, Ankara DemirsporSekerspor.
L’anno dopo l’Izmirspor si risollevò arrivando 8° dietro le 3 big di Istanbul e all’Altay, ma davanti ai rivali del Karsiyaka.
Nelle due annate seguenti la società non andò oltre due 13° posti che comunque servirono per mantenere la categoria.
Nel 1965-66 arrivò l’ennesimo basso piazzamento che salvò il club da un’infernale retrocessione che però fu solo rimandata di poco. Infatti nel 1966-67 la squadra partì malamente in campionato restando sempre sul fondo della classifica fino alla fine cadendo in seconda serie assieme a Istanbulspor As e Karsiyaka.
Nella stagione successiva la compagine di Smirne si presentò ai nastri di partenza del campionato di seconda divisione con l’obiettivo di una pronta risalita.
E così fu, infatti il club dopo una lunga e incredibile bagarre per la prima posizione ebbe la meglio sul Samsunspor vincendo quindi il torneo e tornando immediatamente in Super Lig.
Il ritorno in massima serie però fu tanto amaro quanto breve.

L’Izmirspor, dopo una faticosa partenza a rilento, crollò nelle ultime posizioni; nonostante l’arrivo a novembre di mister Aleksandar Petaković, il club finì di nuovo in seconda divisione.

Tra prima e seconda serie

La società per risalire nell’élite del calcio turco si affidò all’attaccante jugoslavo Cemal Numanagic ma sia nel 1969-70 che nel 1970-71 il club mancò la promozione per un soffio restando con un pugno di mosche in mano.
Ma molto peggio andò nella stagione seguente in cui la compagine di Smirne dopo aver ceduto la punta nativa dei Balcani arrivò penultima e retrocesse in terza serie assieme al Gunesspor Ankara.
La terza serie fu uno shock per l’intero ambiente che ci mise 8 stagioni per riprendersi e risalire. Galeotta fu la stagione 1979-80, in cui l’Izmirspor, dopo un gran duello con il Fatih Karagümrükspor trionfò nel torneo tornando a riassaporare la seconda serie, cioè l’anticamera dell’élite del calcio turco.

Il ritorno in cadetteria durò solo altri 8 anni in cui il team di Izmir ottenne risultati altalenanti, ridimensionati e cancellati dalla retrocessione clamorosa del 1987-88.
Fortunatamente però nel 1988-89 il club dopo un’incredibile ed estenuante lotta a tre con Usakspor e Soma Sotesspor (società calcistica che ha sede a Soma, zona nota ai più per via del disastro in miniera) prevalse vincendo il torneo di terza serie tornando quindi in 1.Lig.
Nelle successive 9 stagioni l‘Izmirspor fu protagonista prima in prima e dopo in seconda serie.
Nel 1997-98 la società partì con l’obiettivo di tornare in 1.Lig e così fu, grazie ad un’altra vittoria del torneo di terza divisione, anche questa volta ai danni di un combattivo Usakspor.
Il club ormai avendo perso molti spettatori rispetto ai tempi d’oro dei quarti posti in Super Lig e non potendo contare su un pubblico numeroso e coinvolgente come quello dei rivali del Goztepe o del Karsiyaka fece poco o nulla per tornare in massima serie.
E dopo 6 stagioni in seconda divisione la compagine di Izmir nel 2003-2004 retrocedette in 2.Lig assieme a Goztepe e Adana Demirspor.

Crisi e declino

Questa discesa fu l’inizio della fine infatti la società dopo 4 annate in 2.Lig, nel 2007-08 terminò in ultima posizione retrocedendo per la prima volta in 3.Lig.
Ma il peggio doveva ancora venire: purtroppo in seguito a 2 annate pessime in quarta serie l’Izmirspor retrocedeva per la prima volta nell’inferno dei campionati amatoriali, dove tuttora milita versando in condizioni sportive pietose che stridono completamente con il passato glorioso di questa squadra che ha potuto annoverare nel suo passato giocatori del calibro di:
Metin Oktay
Güven Önüt
Mesut Bakkal
Hamza Hamzaoğlu
Semih Şentürk
Yekta Kurtuluş
Yiğit İncedemir
Efe İnanç
Ahmet Yıldırım

Alcune immagini della storia gloriosa dell’Izmirspor:

I tifosi bianco-blu dell’Izmirspor, calorosi e rumorosissimi:

L’Izmirspor qualche anno fa, ridotto al calcio amatoriale:

2 Comments on “Nobili decadute – Izmirspor, la parte bianco-blu di Smirne

  1. Pingback: Nobili decadute – Ttnet Beykozspor 1908, i giallo-neri di Beykoz | Calcio Turco

  2. Pingback: Bucaspor, il cuore giallo-blu di Smirne | Calcio Turco

Lascia un commento