Seconda Pelle 16/17: il Galatasaray

Benvenuti ad un nuovo appuntamento con Seconda Pelle, oggi ci occupiamo dei leoni di Istanbul: il Galatasaray.

galatasaray-16-17-home-kit-2

La prima maglia abbandona abbraccia l’ormai consueto design con il petto diviso in due zone, una gialla e una rossa. La novità però sta nel pattern a sottili linee orizzontali rosse e gialle che ricoprono il petto creando un effetto quasi sfumato.

galatasaray-nef-2

A completare il design troviamo il baffo Nike, il logo societario e la bandiera turca. Per quanto riguarda le maniche, una è rossa e l’altra è gialla, con il colletto giallo contornato da una linea rossa. Notiamo quindi come Nike abbia giocato molto con il suo design per il 2017 e con i colori del club. Infine aggiungiamo che sul petto compare lo sponsor Nef, che potete osservare nella foto qui sopra.

galatasaray-16-17-away-kit

Il secondo kit è all’insegna del bianco e della semplicità, fasce gialle sui fianchi e colletto rosso con bordo giallo completano l’opera di quello che, secondo il sottoscritto, è uno dei kit più puliti e belli degli ultimi anni. Questo kit ricorda quello prodotto, sempre da Nike, per le partite in trasferta della Roma; vi consiglio di dare un’occhiata anche a quello per notare tutte le similitudini operate dal “baffo” sui due team.

galatasaray_2016_2017_nike_third_shirt_c

Parlando di Roma, squadra che, insieme al Barcellona, all’Inter e a molte altre condivide il design della terza maglia, arriviamo ora all’ultimo kit. Come detto, il template è il medesimo per tutti i team, con colori differenti. Nel caso dei leoni di Istanbul, il giallorosso lascia spazio al biancoviola, con un design a linee orizzontali via via più spesse verso il basso. Le maniche invece sono interamente viola così come il colletto. Un design sicuramente insolito ma, a mio parere, comunque non così fuori luogo come altri kit presentati da Nike negli ultimi anni.

Anche per oggi è tutto, vi do appuntamento alla prossima settimana con un’altra divisa del campionato turco.

Giovanni Sala

Lascia un commento