Şanlıurfa GAP Stadyumu: lo stadio governativo del Şanlıurfaspor nel sud-est turco

SANLIURFA GAP STADYUMU

Ubicazione: Şanlıurfa, sud-est turco

Apertura: 13 dicembre 2009

Costo totale dell’opera: 42000000 (lire turche)

Architetto: A & Z Aksu

Proprietario: TCGSB (Ministero dello sport turco)

Uso e beneficiari: Şanlıurfaspor

Capacità: 28965 posti a sedere

Terreno: 105 x 68 in erba naturale

Altre caratteristiche: stadio moderno dotato di pista d’atletica e di un super parcheggio

STORIA

A causa della sua location nel sud-est, Sanliurfa è una città turca particolare, unica e piena di contraddizioni.

Si tratta di una zona principalmente rurale e paesaggistica, dove convivono assieme l’etnia turca e quella curda, ma soprattutto è un punto strategico e centrale del progetto energetico governativo detto GAP. Qui in questa zona ”calda” ha sede il Sanliurfaspor e si eleva attualmente il suo stadio: l’imponente, polivalente ed efficiente Şanlıurfa GAP Stadı.

Questo nuovo impianto che prende il nome dal GAP (piano del governo di Ankara per la costruzione di dighe atte a fornire elettricità alla nazione, grazie alle numerosissime centrali idroelettriche presenti in tutto il sud-est turco), è stato aperto nel dicembre del 2009, dopo qualche annata di duri lavori.

All’inaugurazione avvenuta il 13 dicembre (giornata storica del congedo dal vecchio Stadio Sanliurfa 11 Nisan), Recep Tayyip Erdoğan che ha finanziato i lavori del nuovo impianto con soldi governativi, attraverso il progetto energetico sopracitato, ha apposto subito il marchio GAP nella denominazione ufficiale della struttura, prendendo poi tutto il controllo dello stadio stesso, che ora è in mano al governo turco attraverso il Ministero dello sport turco.

L’11 Nisan (in italiano 11 aprile), che oggi non c’è più (ormai sostituito da un parco e alcune fontane), è così un lontano, amato e storico ricordo per i giallo-verdi, nella cui grandiosa tifoseria oggi più di qualcuno storce il naso di fronte alla nuova denominazione.

Il tutto si spiega perchè l’11 aprile 1920 è stata una data storica, in cui i locali cacciarono da Şanlıurfa gli occupanti francesi e inglesi, che una volta subito il colpo della sconfitta,  abbandonarono poi tutte le zone circostanti in un periodo di transizione, che poi avrebbe segnato il passaggio dal governo ottomano alla Turchia di Atatürk.

I meno attenti alla storia possono consolarsi andando in questo stadio moderno, che in questi anni nonostante la giovane età, ha già ospitato grandissimi eventi come il campionato del mondo FreeStyle Motocross 2010 e la finale di Supercoppa di Turchia 2009-10.

DESCRIZIONE

Situato a poca distanza dalla diga Ataturk di Şanlıurfa e dal rispettivo lago, lo Stadio GAP si trova invece a parecchi km (circa 35) a nord dal centro cittadino. Risulta impossibile raggiungere l’impianto a piedi o in bicicletta, quindi i tifosi del club per andare al campo devono sobbarcarsi 40 minuti di macchina, oppure usufruire di mezzi pubblici o taxi.

La struttura inaugurata nel dicembre 2009, ha una capacità totale di 28965 posti a sedere ed è costata in tutto 42 milioni di lire turche.

L’esterno dell’impianto è tutto rigorosamente giallo-verde, mentre la sua copertura è stata dipinta completamente di verde chiaro.

Il terreno di gioco, che è all’interno di una pista d’atletica leggera da 8 corsie, misura 108x65m ed è totalmente in erba naturale.

Lo stadio rispetta pienamente i criteri UEFA, grazie anche alla dotazione di modernissime stanze per arbitri, corridoi spaziosi ed impianti d’audio e di illuminazione all’avanguardia.

Anche la tribuna principale rispetta criteri moderni, riservando alcune postazioni per disabili, 1500 posti per vip, sale per commentatori tv e radio, una stanza per la conferenza stampa da 250 posti e diversi spazi per la security.

Il non perfetto posizionamento è compensato da un enorme parcheggio auto, che può ospitare fino a 5500 autovetture.

L’unicità di questo stadio (unico impianto modernissimo in Turchia con pista, posizionamento lontano, parcheggio enorme ecc…), rispecchia la particolarità e la bellezza della città che ne usufruisce e che sogna ancora di raggiungere per la prima volta la promozione in Super Lig. Con il raggiungimento della massima categoria, siamo certi che questo impianto potrebbe mostrare ancora di più il proprio fascino, soprattutto in contesti calcistici top.

GALLERY

Lascia un commento