Namık Kemal Stadi, lo stadio del Tekirdagspor

Tekirdagspor

TEKIRDAG NAMIK KEMAL STADYUMU

Ubicazione: Tekirdag, Turchia occidentale

Inizio lavori: primi anni 80

Fine dei lavori: 1986

Costo totale dell’opera: non noto ma a carico dell’ente locale

Architetto: non noto

Proprietario: Comune di Tekirdag

Uso e beneficiari: Tekirdagspor

Capacità: 9600 posti a sedere

Terreno: 105 x 65 in erba

Altre caratteristiche: pista d’atletica presente, copertura parziale a forma di croce, assenza di curve e stadio vicinissimo al mare Marmara

STORIA 

Tekirdag, incantevole cittadina nel nord-ovest della nazione, giocano i gialloneri del Tekirdagspor. Dotati di una delle tifoserie più calde e passionali delle serie minori turche, i sari-siyah di Tekirdag (così vengono chiamati) non hanno mai militato nelle più importanti divisioni del calcio anatolico, tranne che nel decennio 1976-1986.

A causa del crescente numero di presenze sugli spalti del vecchio campo sportivo della città, si è deciso ad inizio anni ’80 di costruire un nuovo stadio vicino al mare.

L’impianto inaugurato ufficialmente nel 1986, è intitolato alla memoria di Namik Kemal, che è stato uno scrittore, giornalista, riformatore ed infine ispiratore di Mustafa Kemal Ataturk. Namik Kemal nacque proprio a Tekirdag nel 1840.

DESCRIZIONE

Lo stadio che negli anni 80 era dotato di una tribuna semi-coperta, che poteva contenere solo al massimo 5000 spettatori, non va confuso con il Tekirdag 13 Kasim che è un altro impianto sportivo della città, ma che viene usato dalle squadre minori dei quartieri di Tekirdag e dalle giovanili del Tekirdagspor.

Nel corso delle stagioni nelle serie minori la struttura dedicata a Namik Kemal è sempre stata una calda polveriera, spesso riempita dai tifosi locali nonostante la pista d’atletica ed il declino sportivo dei sari-siyah di Tekirdag.

Pur non essendo uno stadio né bellissimo né moderno, il Namik Kemal Stadyumu ha rappresentato e rappresenta i valori del calcio romantico; sia per il fatto di essere situato nelle immediate vicinanze del mare e del porto, ma soprattutto perchè nei casi di sold out il pubblico in eccesso può guardarsi la partita dagli alberi oppure deve scavalcare il muro dietro la tribuna e raggiungere il punto più alto per avere la possibilità di vedere l’incontro al meglio.

Non pensiate che per i giornalisti sia meglio; anzi, qualora ci fosse qualche reporter interessato ad effettuare qualche ripresa video, bisogna che esso si munisca di scala e salga sopra il maxi schermo.

Il maxi schermo (vedi foto sotto nella gallery) si trova al lato opposto della tribuna dello stadio e, vista la mancanza della tribuna stampa, funge da base lavorativa per reporter e giornalisti.

Alcuni recenti piccoli cambiamenti hanno riguardato la tribuna principale che è stata ampliata, fino a diventare più lunga del terreno di gioco stesso, portando quindi la capienza a 96oo spettatori come ci illustra il profilo di Mackolik.

La recente promozione in 3.Lig del Tekirdagspor ha purtroppo messo in luce i limiti strutturali e di ordine pubblico di questo stadio romantico ma obsoleto. Per averne la prova basta guardare i video presenti nel pezzo, dove si ha modo di vedere lo scontro clou del campionato amatoriale tra i sari siyah di Tekirdag ed il Kocaelispor di Izmit.

In quel match tutti se le sono date di santa ragione dentro e fuori dal campo (dove c’era il tutto esaurito sugli spalti), quindi se il Tekirdagspor avrà un giorno l’ambizione di salire in Super Lig dovrà necessariamente costruire uno stadio nuovo; oppure, nel caso, intervenire pesantemente sul Namik Kemal Stadyumu, che intanto nonostante tutto è uno stadio da 4,5 stelle secondo i recensori di Google.

GALLERIA

Stadio Tekirdag

23761_576115025735712_2127927881_n

 

Maxi schermo

 

Amator Lig Serie Minori