Nadir Çiftçi, derby con gol e polemica per il turco in Scozia

Nadir Çiftçi è ritenuto l’ambasciatore del calcio turco in Scozia: giovane attaccante classe ’92, si è distinto per le sue giocate che hanno spesso trascinato il Dundee United in questa stagione.

Al Dens Park, però, martedì scorso non si giocava una partita come le altre. Il 7 aprile infatti era in programma il derby di Dundee, appuntamento che i fan del posto si segnano sul calendario già diverse settimane prima. Tutt’altro ambiente rispetto a quelli in cui Çiftçi è cresciuto: il tranquillo vivaio del Portsmouth, da cui fu poi ceduto al Kayserispor, club la cui tifoseria si è distinta negli ultimi anni più per aver disertato lo stadio che per spettacolari coreografie.

Il suo passaggio al NAC Breda nel 2012 è stato determinante per la sua formazione: Çiftçi è cresciuto, per poi esplodere definitivamente in Scozia. Questa stagione l’attaccante turco è una garanzia: 12 volte in rete, con ben 8 assist calibrati per i compagni. Il carisma di Çiftçi si riflette nel gioco della squadra, ma talvolta può risultare deleterio. Come due giorni fa al Dens Park, nel momento decisivo del match.

Çiftçi si presenta dal dischetto, come sempre sicuro di sè. Portiere da una parte, palla dall’altra: fin qui tutto ok, è l’1-1 che ridà speranza ai tifosi del Dundee United. Poi quel gesto, istintivo, quasi da campetto. Çiftçi manda baci al portiere avversario, in risposta a chissà quale insulto offerto dall’estremo difensore del Dundee FC. Probabile che ora Çiftçi rimpianga quell’esultanza polemica: il 3-1 finale sancirà una pesante sconfitta da digerire per il suo United. Resta la prestazione, solida come sempre. Ma a volte non è abbastanza. Non ancora, almeno secondo Fatih Terim, che non ha ancora considerato la convocazione di Çiftçi per la Nazionale turca.